L’azienda collabora all’iniziativa fornendo i propri PC gaming all’acceleratore videoludico che riunisce 10 startup

Oggi è stata presentata Cinecittà Game Hub, acceleratore di startup del mondo videoludico che vede protagoniste dieci imprese di sviluppo di videogame insieme a Cinecittà Spa. Acer aderisce all’iniziativa fornendo alle startup partecipanti i dieci PC a brand Acer e Predator oltre ai monitor. Il programma prenderà il via il 10 gennaio 2022 e si concluderà il 22 aprile, concentrandosi sulla preparazione business delle aziende partecipanti e articolandosi in appuntamenti settimanali che svilupperanno tre percorsi distinti: Business, Production e Inspirational. Oltre ai tutor, il programma si avvarrà di esperti italiani ed internazionali nei rispettivi campi, per offrire alle startup la miglior preparazione possibile.

Le attività di formazione avranno luogo presso le strutture di Cinecittà Spa e sono sostenute dalla Regione Lazio e dal Ministero della Cultura-Direzione Cinema, in collaborazione con IIDEA, l’associazione che raccoglie le imprese del settore videoludico che operano in Italia.

“Il mondo del gaming rappresenta un condensato di opportunità economiche, occupazionali, didattiche, relazionali e di intrattenimento, con un impatto importante sulla società e sull’economia”, ha commentato Tiziana Ena, PBU and Greek Market Head di Acer. “I videogame non sono solo uno strumento di svago, ma aiutano anche a sviluppare abilità di problem solving, a prendere decisioni velocemente e ad apprendere competenze specifiche. Si tratta inoltre di un settore che ha un impatto significativo sull’economia italiana, con un giro d’affari di quasi 2,2 miliardi di euro nel 2020, cresciuto del +21,9% rispetto al 2019 e raddoppiato rispetto al 20161”.

Infatti in Italia l’industria del gaming conta 160 imprese, 1.600 addetti (di cui il 79% con meno di 36 anni), 90 milioni di euro di fatturato. Si tratta di un’industria ancora giovane, ma con tassi di crescita e innovazione significativi oltre che con una naturale vocazione internazionale, visto che il 94% del fatturato di aziende e professionisti operanti nello sviluppo di videogiochi destinati al consumatore proviene dal mercato internazionale1.

Acer fornirà ai partecipanti PC e monitor della sua articolata offerta per il mondo gaming. Prima fra tutte la gamma di dispositivi Predator, che risponde a tutte le esigenze degli hardcore gamer, con PC e monitor progettati da appassionati per appassionati. Si tratta di prodotti che si distinguono per prestazioni eccezionali e un’esperienza d’uso coinvolgente, che non a caso è valsa a Predator il prestigioso Red Dot Brand Award, assegnato per la prima volta a un brand gaming. Con il motto “In search of good design and creativity” (Alla ricerca del buon design e della creatività), il Red Dot Award: Brands & Communication Design premia i marchi con il migliore design e i migliori progetti creativi, selezionandoli tra i designer, le agenzie e le imprese di tutto il mondo.

Per i gamer che cercano un dispositivo più conveniente senza rinunciare alle prestazioni e a una grafica eccezionale, la famiglia Acer Nitro offre tutta la potenza necessaria per un gameplay senza compromessi, unita a una grande capacità di storage e a un bilanciamento termico avanzato. Aspire 7 risponde infine alle esigenze di chi è alla ricerca di un dispositivo sottile ed elegante che unisce la versatilità di un PC utilizzabile in mobilità senza rinunciare alla potenza, alla connettività e alla resa grafica necessarie per un’esperienza gaming coinvolgente.

Le dieci startup che parteciperanno all’iniziativa sono state selezionate con un bando pubblico e durante i quattro mesi del programma potranno rafforzare le loro capacità produttive e imprenditoriali, portando avanti al contempo lo sviluppo dei propri progetti. L’esperienza si concluderà con un demo day durante la quale i progetti saranno presentati a un pubblico di publisher e investitori.

A coordinare le attività formative dell’Hub sarà Mauro Fanelli, (Co-founder, Direttore Creativo & CEO dello studio di sviluppo indipendente MixedBag ed ex-vicepresidente di IIDEA), che guiderà un gruppo di tutor tra cui Elisa Farinetti (Co-founder & CEO, Broken Arms Games), Luca Marchetti (Co-founder & CEO, Studio Evil), Elisa Di Lorenzo (Co-founder & CEO, Untold Games) e Daniele Azara (Head of Games & Chief Cretive Director, One-O-One Games). I tutor selezionati hanno esperienza pluriennale nel settore dello sviluppo gaming e ricoprono cariche manageriali nei rispettivi team.

1Fonte: Rapporto IIDEA-Censis: Il valore economico e sociale dei videogiochi in Italia

Posted by:Powerwave83

2 risposte a "#Tech News: #Acer partner di #Cinecittà Game Hub"

    1. Ci metti onestamente in difficoltà, e ammettiamo l’ignoranza. Collaboriamo con diverse agenzie per i loro prodotti, ma PW83 si focalizza fondamentalmente sulle console. Ci dispiace!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...