Il gioco che ha cambiato l’intero panorama dei fighting games spegne 30 candeline

Di Redazione PowerWave

A meno di non aver vissuto dentro a una caverna, tutti conoscono Street Fighter, Ryu, Ken, Chun-Li e compagnia bella. Tutti conoscono il famigerato Hadoken (pronunciato nelle più svariate varianti e scritto in ancor di più) e tutti sanno che Street Fighter è in giro ormai da un bel po’ di tempo. Quello che forse non tutti sanno è che nell’ormai lontano 6 Febbraio 1991 il leggendario picchiaduro veniva introdotto per la prima volta nelle sale giochi Giapponesi, cambiando la storia dei giochi di combattimento per sempre. Questo speciale sarà un po’ diverso dai soliti, in quanto andrà a toccare nello specifico la personale esperienza della redazione di PW83.

Il tweet di Capcom che annunciava il compleanno di SF2

Pierre: “Quanti ricordi… quante memorie. Si può dire che con tutta probabilità, Street Fighter 2 è stato il gioco che in assoluto più ha plasmato il mio essere giocatore oggi. Ricordo con particolare affetto quando, allora un timido ragazzino di otto anni, con la mia scorta di monetine mi recavo al bar di paese specificatamente per spendere la mia sudata paghetta settimanale dentro al cabinato di SF2 (come e perchè un bar di paese avesse suddetto cabinato, ancora non mi è dato sapere, ma tant’è). Non ero bravissimo, perdevo quasi tutti i match a cui partecipavo e specialmente contro i ragazzi più grandi, ma non riuscivo a smettere di giocare al titolo Capcom. C’era qualcosa, nel vedere Ryu che lanciava Hadoken, o Ken che si lanciava verso l’alto con il suo Shoryuken, che mi esaltava ben più che a guardare o giocare altri titoli. Capivo già all’ora che tutto quello che accadeva su schermo non era un semplice pigiare sui tasti e sperare che qualcosa andasse a segno, c’era una strategia dietro. Capivo che lanciando un Hadoken andavo a limitare il numero di opzioni disponibili al mio avversario, così come capivo che sulla base di quelle stesse azioni disponibili, a mia volta avevo a disposizione un certo numero di opzioni disponibili. Oh, e quanti aneddoti accumulati durante gli anni! Vi siete mai accorti, ad esempio, che Chun-Li non indossa il suo iconico costume blu nella schermata di selezione del personaggio? E vogliamo parlare dell’errore di traduzione che per anni ha fatto credere, a me ma credo anche un po’ a tutti, che esistesse un personaggio di nome Sheng-Long, e che si dovesse sconfiggere per avere una chance di battere Ryu? [ride] Ah, non mi stancherò mai di decantare le lodi di SF2. Crescendo ho imparato ad apprezzare tutti i fighting games, e alcuni ora li preferisco a Street Fighter, ma come dicevo poco sopra è innegabile come questo capolavoro abbia plasmato il mio io da videogiocatore.”

L’iconico errore di traduzione/localizzazione che per anni ha confuso i giocatori di tutto il mondo. Sheng Long è cinese per Shoryu-Ken (Pugno del drago), non un personaggio!

Pierre: (continua) “…Oh, e vogliamo parlare di quando finalmente SF2 arrivò in versione casalinga? Dovetti aspettare la Champion Edition per MegaDrive, purtroppo, visto che da ragazzetto non ebbi mai un Super Nintendo. Oddio, la CE… o meglio: il gioco in sè non era nemmeno disastroso, quello che veramente rovinava l’esperienza di gioco era il gamepad originale del MegaDrive. Dover passare dai tre pugni ai tre calci premendo il tasto Start era qualcosa di assolutamente terrificante, esperienza che ho avuto lo spiacere di rivivere quando qualche mese fa abbiamo aggiunto un SEGA MegaDrive Mini alle console della redazione. Terribile. Ironia del tutto? Quando uscì la seconda versione del pad, a 6 tasti, la Champion Edition divenne la mia versione preferita in assoluto.”

La locandina originale di The World Warrior, 1991

Yuneko: “Adoro Street Fighter 2! Anche se… [ride] la mia esperienza è stata forse ancora più terribile di quella di Pierre! All’epoca infatti non giocavo su console ma su computer, sul mai troppo lodato Amiga 500 Plus, e come potete immaginare letteralmente qualunque cosa veniva convertita, più o meno fedelmente e più o meno legalmente. Io ovviamente mi sono beccata le due opzioni peggiori (conversione pessima e fatta da chissà chi) unita ad una terza aggravante: il sistema di comando. Perché se è vero che Pierre doveva solamente passare dai pugni ai calci premendo un tasto, io avevo dalla mia il lusso di poter giocare con un joystick, ma… [ride] i tasti disponibili erano solo 3, e oltretutto posizionati malissimo! Uno sulla base dello stick, uno sulla parte superiore della sferetta e uno posizionato come un grilletto, sulla parte anteriore! Che incubo… Fortunatamente, quando ne avevo la possibilità andavo alla sala giochi più vicina (Si chiamava “Il Cavalluccio Marino”, era gigante) e provavo a giocare, perdendo miseramente tutti i miei averi… oh insomma, ero piccola! Ricordo anche un’altra cosa, però. La fila. La fila per giocare all’ultima novità era interminabile, e vigeva la regola del “chi vince resta”. Quanto mi mancano le sale giochi… “

Potete letteralmente ASCOLTARE questa immagine.

Queste sono solo due delle esperienze vissute al lancio di Street Fighter 2, e possiamo solo immaginare quante altre storie esistano, quanti altri giocatori si sono appassionati a un singolo videogioco facendolo diventare il loro genere preferito, grazie al secondo capitolo di quello che sarebbe diventato il porta-bandiera del genere dei fighting games.

Buon compleanno Street Fighter 2, e grazie per i ricordi.

L’inizio di un cammino che va avanti da trent’anni

BONUS: Forse l’avete visto, forse no, ma vi lasciamo qui sotto il link al documentario di Capcom (pubblicato nel 2013 in concomitanza con il 25° Anniversario della serie). La storia di Street Fighter è generalmente ben documentata un po’ ovunque, ma se volete rinfrescarvi la memoria, o volete un buon punto da cui iniziare, questo film è perfetto.

“I AM STREET FIGHTER” – Capcom, 2013
Posted by:Powerwave83

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...