Di Redazione PW83

Bloober Team, lo sviluppatore polacco già dietro al bellissimo The Medium e altri titoli horror, ci porta la versione rimasterizzata per next-gen del loro cult-classic Observer. Tutti i segreti nella nostra recensione!

Prima di iniziare la recensione di questo Observer: System Redux (OSR, da ora), è bene fare un po’ di luce su Bloober Team, sviluppatore polacco da poco entrato sotto ai riflettori con il loro ottimo psycho/horror/thriller The Medium, di cui potete leggere la recensione CLICCANDO QUI. Bloober ha sempre avuto un penchant per i giochi a tinte forti: oltre a The Medium è bene citare giochi come i due Layers of Fear (dove il giocatore impersonava un pittore in una spirale autodistruttiva) e relative espansioni, o ancora il gioco ufficiale basato su The Blair Witch. Ultimo ma non per importanza è >observer_ (questa la stilizzazione originaria), nella sua versione originale, pubblicato nell’agosto 2017. Il fil rouge dietro a tutti questi titoli? Le tematiche horror, indipendentemente dal contesto: paranormale, tecnologico… tutto irrilevante, purché sia in grado di spaventare, mettere a disagio, inquietare. Questa nuova versione del thriller cyberpunk, denominata Observer: System Redux e priva degli “orpelli” del titolo originale, fungerà sia da Remaster che da espansione in quanto, oltre ad essere stata completamente ri-lavorata dai talentuosi sviluppatori Polacchi, includerà anche nuovi capitoli inediti. Andiamo ora a vedere la trama dietro al gioco.

…e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire” – Roy Batty (Rutger Hauer), BladeRunner (1982)

Impossibile scegliere un miglior incipit per un capitolo se non il monologo in punto di morte del replicante Roy Batty, interpretato da Rutger Hauer, a sua volta doppiatore di Dan Lazarski, il protagonista di questo OSR. Impossibile non tanto per il fatto che lo stesso (leggendario) attore sia l’interprete di entrambi i personaggi, quanto per la risonanza che questo Observer e la leggendaria pellicola diretta da Ridley Scott condividono. Observer è fortemente, indissolubilmente legato al capolavoro cinematografico di Scott, al punto che potrebbero essere parte dello stesso universo. Luci al neon, piogge acide, mega-costruzioni in cemento, acciaio e vetro, miliardi di persone costrette a vivere gomito a gomito in spaventose ultra-metropoli che, dopo essersi espanse a macchia d’olio, hanno iniziato ad avvicinarsi al cielo, con grattacieli sempre più oscenamente alti, sontuosi e tecnologicamente avanzati. Il futuro non è accogliente, in System Redux. Il futuro, nel 2084 è sporco, corrotto, opportunista, menefreghista e pronto ad accoltellarti nella pancia mentre ti mostra il suo migliore sorriso a 32 denti. Bisogna giocare sporco per arrivare alla vecchiaia, ed è qui che il nostro Dan Lazarski entra in gioco. Dan non è più un giovanotto, e per una persona che di mestiere fa l’Osservatore, può già definirsi un successo. Il perché é presto detto: un Osservatore é qualcuno in grado di entrare (anche invasivamente) nelle menti delle persone, scavando nella loro psiche così da poter ricostruire omicidi o recuperare dettagli altrimenti persi per sempre. Come intuibile, é un mestiere non facile, che ha fatto impazzire tanti colleghi di Daniel prima di lui, al punto che CHIRON (la mega-corporazione che governa, de-facto, l’intero mondo di Observer) ha vietato che gli Osservatori portassero con loro armi da fuoco come misura preventiva, dopo svariati episodi finiti decisamente male.

Ma guardiamo cosa è successo per arrivare a questo punto di non ritorno. In un futuro non troppo lontano (premessa base di ogni media dedicato al genere cyberpunk) gli impianti neurali, così come i potenziamenti cibernetici, divennero una realtà e l’umanità, come già accaduto più volte nel corso della storia, non perse tempo a farli suoi, così come non si fece scrupoli sulla moralità o le possibili implicazioni che modifiche così invasive potessero comportare. Poi venne la Nanofagia, un morbo terribile che dilaniava le componenti meccaniche di qualunque cosa… inclusi gli impianti cybernetici. Centinaia di migliaia di persone, tra quelle che scelsero il sentiero del cyber-potenziamento, vennero uccise. Come se non bastasse, dopo la Nanofagia arrivò la Guerra, quella globale, che lasciò morte e distruzione in ogni angolo del globo. Fu in questo momento che le Grandi Corporazioni, come la CHIRON, assunsero il controllo di qualunque cosa, ormai libere di fare quello che volevano, senza nessuna morale o qualsivoglia etica a fermarle. Fu anche in questo momento che le stesse Corporazioni introdussero gli Osservatori, strumenti di oppressione corporativa, sanguisughe digitali in grado di sviscerare ogni segreto, ogni singolo dettaglio possa essere richiesto per risolvere un indagine; E questo sia che l’interessato lo voglia o no.

Ammettiamolo, non ci sarà molto di cui parlare relativamente al gameplay di questo Observer ma, e vogliamo metterlo nero su bianco, in grassetto e sottolineato, questo non significa che sia un brutto gioco. Tutt’altro, semmai. Fondamentalmente Observer sarà un walking simulator in cui il giocatore dovrà interagire con dettagli presenti nell’area di gioco risolvendo missioni principali e secondarie mentre esplora il complesso residenziale che farà da cornice all’intero gioco. La particolarità del gioco? Essendo Daniel un Osservatore, avrà l’opportunità di visitare le menti delle persone e scoprire dettagli altrimenti impossibili da notare. Non solo, grazie agli impianti cybernetici di cui è dotato, avrà la possibilità di utilizzare tre tipi di modalità visive: EM, ovvero in grado di rilevare dispositivi elettronici ed altri congegni meccanici, BM, che vi permetterà di rilevare materiale organico (sangue, impronte digitali, ecc.) ed infine una visione notturna, sempre utile.

Dov’è quindi il vero punto di forza di questo Observer: System Redux? Da un punto di vista puramente tecnico, nel fantastico lavoro di ottimizzazione per le console next-gen svolto da Bloober. 4K, Ray Tracing, HDR, nuove animazioni rispetto al gioco base, nuove texture ad altissima definizione e nuove animazioni per i modelli poligonali dei personaggi rendono System Redux una esperienza visivamente più che piacevole. Ma quello che veramente colpirà i giocatori saranno la superba atmosfera e l’assoluta e maniacale attenzione verso il dettaglio riscontrabile per tutta la durata del gioco: dalle e-mail leggibili accedendo ai PC degli abitanti del complesso residenziale, ai dialoghi con gli abitanti stessi, il gioco di Bloober sarà in grado di colpire in pieno i giocatori, andando spesso a toccare temi scomodi e importanti. Stupro, violenza minorile, abuso di droghe, razzismo, discriminazione sessuale, prostituzione: nel mondo di gioco, l’evasione dallo stesso è quasi una priorità: programmi VR, farmaci che alterano la mente, impianti neurali… tutto quello che può permettere, anche solo per un momento, di non pensare alla vita reale é abusato dalle classi meno abbienti. Observer non è un gioco per tutti e alcuni dei temi trattati saranno sicuramente difficili da digerire, ma se gliene concederete la possibilità, saprà ripagarvi con una delle migliori avventure cyberpunk mai create.

Tirando le somme, chiunque sia alla ricerca di una bella avventura, dai ritmi rilassati e in cui bisogna far funzionare più il cervello che i pollici, con una atmosfera superba e un comparto sonoro (tutto: effetti, dialoghi, ma soprattutto la colonna sonora) eccellente, si faccia un piccolo regalo e si procuri una copia di Observer: System Redux. Digitale o fisica non importa, ma sappiate che la versione fisica avrà come bonus un art-book in cui ammirare la splendida concept-art del titolo e un CD contenente la colonna sonora. Promosso!

POWER RATING:
9.0/10
“Observer è senza ombra di dubbio una delle migliori rappresentazioni del genere cyberpunk attualmente in commercio, con una atmosfera ed una trama assolutamente sopraffine.”

PRO:
-La prima e ultima performance in un videogame da parte di Rutger Hauer (1944-2019)
-Tecnicamente ben (ri) fatto
-Level-Design labirintico e intrigante
-Atmosfera superba
-Trama interessante e dai toni cupi

CONTRO:
-Non è un gioco per tutti, potrebbe annoiare i giocatori meno inclini all’esplorazione

-Codice review fornito dal Publisher
-Testato su Xbox Series X

Posted by:Powerwave83

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...